Sprout la matita che diventa una pianta

Sprout la matita che diventa una pianta

Sprout la matita ecologica con i semi sul fondo che si pianta dopo l’uso.

Sprout è una vera novità, ecologica e dal doppio uso, in grado di unire l’utile al dilettevole.

Una matita in legno di cedro e grafite con fusto naturale e levigato recante inciso sul fondo il nome di una pianta aromatica, Green Pepper nel mio caso, e una capsulina verde trasparente sul fondo contenente una serie di semi.

La mia Sprout, quando sarà troppo corta per essere usata, si trasformerà in una (o più) piantina di pepe verde.

Basterà prendere un vaso abbastanza capiente per poter accogliere la tipologia di pianta che si svilupperà dai semini, infilare la matita nella terra umida obliquamente, ed aspettare qualche settimana per veder nascere la pianta. E non una pianta qualsiasi: ogni Sprout contiene i semi di una pianta aromatica differente, spezia o erbetta di quelle che usiamo comunemente in cucina, ben nove.

La particolarità delle Sprout non è solo la capsula contenente i semi. Queste matite sono realizzate interamente a mano  e sono totalmente atossiche e naturali. Come già detto, il fusto è in legno di cedro mentre la mina è in grafite e argilla. La capsula che contiene i semi è idrosolubile e biodegradabile. In caso dovessimo metter la matita in bocca (per chi ha il vizio di rosicchiare penne e matite è un gesto abitudinario), non corriamo nessun rischio per la nostra salute: la matita è interamente atossica, male che vada ci troveremo i semini in bocca!

Le matite Sprout hanno un costo medio di circa €3,50 l’una e la loro vendita inizia a diventare capillare anche in Italia. Io le trovo originali anche come idea regalo per quell’amica dal pollice verde che apprezza i gadget sfiziosi e particolari. Ma anche come originale segnaposto per la tavola.

Sul sito ufficiale Sprout potete scoprire tutte le matite ecologiche.